IMPATTO ZERO

Utilizziamo solo scooter elettrici alimentati da energia rinnovabile

WHATSAPP

Richiedi il servizio comodamente da Whatsapp - clicca qui.

La ricetta elettronica nel Lazio: cosa c’è da sapere

 

La ricetta elettronica nel Lazio è in vigore già da un po’, come nel resto d’Italia. I vantaggi della ricetta telematica sono molti e non solo pratici, ma anche economici. Inoltre, in seguito alla pandemia da coronavirus, le funzionalità della ricetta virtuale sono state implementate. L’Assessore alla Sanità della Regione Lazio ha infatti affermato che non è più necessario recarsi direttamente dal medico per farsi prescrivere farmaci o prestazioni sanitarie.

Il tutto viene ora gestito in maniera digitale, attraverso banche dati e sistemi centralizzati che rendono il processo molto più semplice. Non è nemmeno indispensabile uscire di casa per acquistare le medicine, ma andiamo con ordine. Scopriamo come funziona la ricetta elettronica nella Regione Lazio ed evitare code dal medico e in farmacia.

Ricetta elettronica e ricetta rossa: cosa cambia

C’è sempre un po’ di confusione quando si parla di ricetta rossa e ricetta bianca. Sono comunemente chiamate così per il colore della loro bordatura, ma le differenze vanno ben oltre il colore. Entrambe hanno infatti caratteristiche precise e sono regolate da diverse normative.

La ricetta rossa viene emessa esclusivamente per prescrivere i farmaci e gli esami medici convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale. Può essere compilata solo da medici dipendenti di strutture pubbliche e non da specialisti privati. Con la ricetta bianca vengono invece prescritti farmaci e servizi sanitari ad esclusivo carico del paziente, perché non compresi nel prontuario farmaceutico regionale.

Dove si colloca, quindi, la ricetta elettronica? Semplicemente, quella che un tempo veniva chiamata ricetta rossa, adesso è stata sostituita dalla ricetta elettronica. Il medico la compila tramite lo specifico programma del Sistema Sanitario della Regione Lazio e stampa poi un promemoria che ne riporta tutte le informazioni importanti, compreso il codice NRE.

I vantaggi della ricetta elettronica

I vantaggi della ricetta elettronica sono numerosi. Il suo principale punto di forza è la possibilità di ritirare le medicine anche in una Regione diversa da quella di residenza. Questo non era possibile con la vecchia ricetta rossa. Per acquistare farmaci in un’altra Regione, era necessario pagare il prezzo intero del medicinale, anche se dispensato dal SSN.

Grazie alla ricetta virtuale, non è più necessario. I farmaci con prescrizione medica possono essere acquistati in qualsiasi città d’Italia, pagando esclusivamente il ticket. Il sistema elettronico permette di controllare meglio le singole prescrizioni, così si è sicuri che ognuna sia appropriata al paziente e si evitano eventuali abusi. In questo modo viene maggiormente tutelata la salute dell’assistito.

Non è finita, perché la ricetta telematica consente anche un notevole risparmio in termini economici. Nella Regione Lazio, venivano spesi quasi due milioni di euro soltanto per l’acquisto delle vecchie ricette rosse cartacee. Con l’introduzione della ricetta telematica, è stato possibile risparmiare risorse economiche preziose da destinare ad altri servizi pubblici.

ricetta elettronica lazio

Il promemoria della ricetta elettronica

La ricetta elettronica è un documento virtuale a tutti gli effetti. Tuttavia, il medico può stampare un promemoria cartaceo da consegnare all’assistito. Sul foglio, che in realtà è semplicemente una copia della vera ricetta, sono riportate le informazioni necessarie al ritiro del farmaco o alla prenotazione della prestazione sanitaria prescritta.

Tra queste informazioni, sono presenti il Numero di Ricetta Elettronica (NRE) e il codice fiscale del paziente. Il promemoria va portato in farmacia, dove viene scansionato da un lettore ottico. In questo modo, è possibile elaborare in modo veloce la prescrizione.

Nel caso il documento venisse smarrito, non c’è comunque nessun problema. Quando il medico invia i dati per la ricetta al sistema centralizzato, la prescrizione rimane registrata nel database accessibile da tutte le farmacie. Le medicine potranno quindi essere ritirate senza nessuna difficoltà.

Il codice NRE

Abbiamo menzionato più volte il codice NRE della ricetta elettronica, ma di cosa si tratta nello specifico? È semplicemente un codice personale e unico a livello nazionale, che caratterizza ogni ricetta virtuale. Ha in pratica la stessa funzione del codice a barre stampato sulle vecchie ricette rosse del Servizio Sanitario Nazionale.

Il codice NRE viene assegnato dal Sistema di Accoglienza Centrale e presenta 15 caratteri alfanumerici. Ogni Numero di Ricetta Elettronica presenta degli elementi fissi che caratterizzano la Regione in cui è stata emessa la prescrizione. Anche in mancanza del promemoria cartaceo, basterà solamente comunicare al farmacista il codice NRE e il proprio codice fiscale per ricevere i farmaci o la prestazione richiesta al medico curante.

La scadenza della ricetta elettronica nella Regione Lazio

La validità della ricetta elettronica nel Lazio cambia a seconda del tipo di prescrizione. Quelle per l’acquisto di medicinali hanno una durata di 30 giorni dalla data di emissione. Trascorso questo periodo, la ricetta non sarà più valida e occorrerà chiedere al medico una nuova prescrizione.

Per quanto riguarda le visite e gli esami diagnostici, la Regione Lazio ha ampliato il periodo di validità delle ricette telematiche: dai 12 mesi precedenti a 24. Si avranno quindi due anni di tempo, dal momento della compilazione della ricetta, per prenotare le prestazioni specialistiche. Questa misura è stata adottata in seguito alle difficoltà subentrate durante la crisi da Covid-19, che ha reso più difficile erogare i servizi ambulatoriali.

Come usare la ricetta elettronica per la consegna dei farmaci a domicilio nel Lazio

Grazie alle funzionalità della ricetta elettronica, puoi evitare di recarti dal medico per le prescrizioni sanitarie. Basterà farti dire il codice NRE per poter acquistare i medicinali di cui hai bisogno. Se poi vuoi evitare anche di andare in farmacia, puoi scegliere di farti consegnare i farmaci a domicilio.

In alcuni comuni del Lazio c’è un modo semplicissimo per ricevere i farmaci direttamente a casa tua. Se soffri di una patologia cronica o hai bisogno di assumere farmaci con regolarità, puoi affidarti a un servizio in abbonamento. Farmascooter ti garantisce 4 consegne a domicilio al mese: dovrai solo comunicare all’operatore il codice NRE della tua ricetta e i medicinali ti verranno consegnati a domicilio.

Hai bisogno urgentemente di una medicina? Nessun problema, Farmascooter ha pensato anche a questo. Quando ti serve un farmaco in tempi rapidi, puoi richiedere la consegna urgente, che verrà effettuata entro 3 o 24 ore, a seconda del servizio richiesto. Scopri se il servizio di Farmascooter è già presente nel tuo Comune!

Clicca per condividere

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email

Argomenti correlati