IMPATTO ZERO

Utilizziamo solo scooter elettrici alimentati da energia rinnovabile

WHATSAPP

Richiedi il servizio comodamente da Whatsapp - clicca qui.

Come aiutare i genitori anziani: consigli utili per i figli

Con il passare del tempo, i figli cominciano a chiedersi come aiutare i genitori anziani che fanno i conti con gli acciacchi legati all’età. Prendersi cura di un genitore che non riesce più a provvedere da solo alle sue necessità è un atto d’amore, nonché un obbligo per i figli. Tuttavia, non è sempre facile.

Offrire le cure necessarie ad un genitore anziano, tra impegni lavorativi e familiari, può diventare molto stressante. Quando poi si ha a che fare con anziani pesanti e un po’ capricciosi, lo stress si trasforma in frustrazione.

Se sei anche tu in una situazione simile, non abbatterti. Leggi questi semplici consigli su come aiutare i tuoi cari e prenderti cura anche di te stesso.

Preservare il rapporto con i genitori anziani

Uno dei pilastri del rapporto tra genitori e figli è l’aiuto e la protezione reciproca. Arriva un momento nella vita in cui è il figlio a doversi fare carico dei bisogni della mamma o del papà. Oltre alle difficoltà pratiche, questa condizione si scontra spesso con barriere emotive. Molti anziani non riescono ad accettare il fatto di aver bisogno di assistenza per svolgere normali azioni quotidiane.

A volte, subentra anche il senso di colpa: i genitori anziani sono consapevoli degli effetti che la loro condizione genera sulla vita dei figli. Questo può innescare un meccanismo di difesa che rende i genitori anziani egoisti. Invecchiare è difficile e bisogna capire che gli anziani che si comportano in modo scontroso, non lo fanno di proposito.

La terza età comporta una serie di cambiamenti importanti nella vita di una persona. Bisogna convivere con un corpo dolorante, con le poche occasioni di vita sociale e, talvolta, con patologie. La tristezza di un anziano può trasformarsi in atti di testardaggine, ma è proprio in quel momento che devi sforzarti di capire il suo disagio.

Cercare di mettersi nei panni di una persona che sta invecchiando è il primo passo per comprendere le sue esigenze e preservare il rapporto genitore-figlio.

Figli e genitori anziani conviventi

Quando i genitori invecchiano, non è raro che i figli li accolgano nella loro casa. Questo tipo di soluzione rappresenta un grosso vantaggio per alcuni, perché rende più semplice soddisfare le esigenze quotidiane. Allo stesso modo, una situazione di convivenza tra figli e genitori anziani può diventare complicata. C’è il rischio che i genitori si sentano sempre ospiti o che si considerino un peso troppo grande, ma anche che diventino troppo invadenti.

Qui entra in gioco tutto l’amore e la comprensione che il figlio è capace di dare. Nonostante gli sforzi, capita che la buona volontà non sia comunque sufficiente e l’anziano si comporti in maniera ingestibile. In questi casi, bisogna armarsi di pazienza e cercare un dialogo con il genitore: sii gentile, ascolta le sue preoccupazioni e coinvolgilo nella tua vita.

come aiutare i genitori anziani

Come aiutare i genitori anziani che vivono lontano

Quando i genitori sono anziani e i figli vivono lontano, la situazione può diventare davvero problematica. Talvolta, i figli che vivono in un’altra città provano senso di colpa perché non riescono a donare loro tutto il supporto pratico necessario.

Per facilitare le cose, è di grande aiuto avere ben chiaro quali sono le esigenze del proprio caro e organizzare tempo e risorse affinché sia semplice garantirgli l’assistenza di cui ha bisogno.

Quando i genitori anziani vivono lontano dai figli, stabilire un dialogo diventa ancora più importante. Se questo è il tuo caso, telefona spesso ai tuoi genitori. Chiedi loro se va tutto bene e se c’è qualcosa di concreto che puoi fare per rendere la loro condizione un po’ più semplice o fargli sentire meno la tua mancanza.

5 consigli pratici per aiutare i genitori anziani

Abbiamo visto che gestire i capricci degli anziani è un processo che riguarda anche la sfera emotiva. Le difficoltà pratiche sono comunque all’ordine del giorno e curare un genitore non autosufficiente è spesso fonte di grande stress. Ecco 5 consigli per aiutare i genitori anziani ad essere sereni il più possibile. E stare bene anche tu.

#1 Includi i tuoi genitori anziani nei processi decisionali

Nessuno vuole perdere il controllo della propria vita, soprattutto se deve già fare i conti con l’inesorabile trascorrere del tempo. Ecco perché è importante coinvolgere il più possibile i genitori nella pianificazione della loro assistenza. Questa semplice attenzione li aiuterà a vederti come una persona che tiene al loro benessere, piuttosto che come qualcuno che minala loro indipendenza.

Inizialmente, potrebbero opporre resistenza rispetto ad alcune tue decisioni. È questo il momento di essere paziente e gestire i cambiamenti in modo graduale. Se possibile, svolgi i compiti insieme a loro, invece che per loro. Questo approccio potrebbe richiedere più tempo, ma avrà effetti benefici sull’autostima dell’anziano e gli consentirà di mantenere più a lungo le sue capacità funzionali.

Quando le ridotte capacità motorie o cognitive rendono impossibile la collaborazione, offri il tuo aiuto senza importi. Concedigli del tempo e, se rifiuta, riprova con delicatezza. In questo modo, il genitore anziano percepirà l’interesse nei suoi confronti e tenderà ad ammorbidirsi fino al punto di accettare l’aiuto.

#2 Rendi la casa sicura e a prova di anziano

Mettere in sicurezza la casa in cui vivono una o più persone anziane è fondamentale sia nel caso di figli conviventi, sia quando i genitori vivono lontano. Con l’avanzare dell’età diventa più facile cadere, inciampare o ferirsi. Esamina a fondo l’abitazione per individuare eventuali riparazioni o interventi da fare.

Fai attenzione, ad esempio, a scalini o pavimentazione irregolare. Installa un corrimano alle scale, nel caso fossero presenti in casa, e rendile ben illuminate. Nei casi più problematici, puoi valutare l’installazione di un montascale.

Un’attenzione particolare va anche alla sala da bagno. Scivolare nella vasca o nella doccia è molto frequente, anche tra le persone più giovani. Per un anziano, lavarsi diventa quindi un’occasione di pericolo.

Anche in questo caso, esistono delle strutture che rendono più sicuro il rito del bagno. In alternativa, può essere sufficiente aggiungere dei maniglioni, in modo che l’anziano possa tenersi ed evitare cadute accidentali.

#3 Non avere paura di chiedere aiuto

Quando ci si occupa di genitori anziani ingestibili, il carico di responsabilità può avere effetti negativi sul benessere dei figli. Ammettere di non riuscire a fare tutto è il primo passo per alleggerire la situazione e, se senti di non potercela fare da solo, chiedi aiuto ad altri membri della famiglia o ad amici stretti.

Per prendersi cura al meglio di un anziano, bisogna anche raggiungere un equilibrio personale ed evitare di sovraccaricarsi. Delegare a qualcun altro una piccola commissione, ti permetterà di utilizzare quel tempo per te stesso e ricaricare le batterie.

Nei casi più difficoltosi, puoi anche considerare di affidarti a dei servizi di assistenza professionale. Molti anziani potrebbero non sentirsi a loro agio all’idea di avere in casa una persona che non fa parte della famiglia. La paura è quella di perdere la propria libertà o non riuscire ad esprimere al meglio i propri bisogni con una persona estranea.

Un timore legittimo, che può facilmente dissiparsi se il figlio dimostra comunque di essere partecipe alla vita del genitore. Per questa ragione, è fondamentale parlare con la figura professionale e stilare insieme un piano che soddisfi tutti i bisogni dell’anziano.

#4 Richiedi i sussidi per anziani

Ogni Comune eroga dei servizi di assistenza agli anziani. Ci si può rivolgere ai servizi sociali del proprio territorio per conoscere quali sono le tipologie di assistenza offerte e come poterle richiedere. I servizi variano in base alle necessità dell’anziano: si va dal sostegno pratico, fino a sussidi di tipo economico.  

Nel caso di genitori a cui sia stata riconosciuta un’invalidità totale e permanente, è possibile richiedere l’indennità di accompagnamento anziani. Un grosso aiuto per chi deve gestire un anziano ormai non più autosufficiente.

#5 Assicurati che assumano i farmaci correttamente

Invecchiando, possono manifestarsi delle patologie e molti anziani sono costretti ad assumere farmaci in modo frequente e a cadenza regolare.  È facile, per un figlio preso dalle mille incombenze quotidiane, dimenticare di recarsi in farmacia ad acquistare i farmaci di cui il genitore ha bisogno. L’anziano rischia così di rimanere senza il medicinale e di saltarne l’assunzione.

Per non pensare più alle prescrizioni mediche dei tuoi genitori anziani, puoi affidarti ad un servizio di consegna farmaci a domicilio. Farmascooter offre un servizio valido e conveniente che ti permette di ricevere quattro consegne al mese oppure una singola consegna rapida di medicinali.

Puoi scegliere il giorno e l’ora della consegna in base ai tuoi impegni e decidere dove far arrivare i medicinali: direttamente a casa dei tuoi genitori o magari in ufficio. Provalo gratis per un mese, senza impegno. Con l’aiuto di Farmascooter, l’assistenza ai tuoi genitori anziani diventa più semplice.

Clicca per condividere

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email

Argomenti correlati